Disturbo post traumatico da stress

 

PTSD causa amnesia di aspetti importanti dell'evento traumatico (soprattutto se il trauma è avvenuto nell' infanzia)

 

Disturbo post traumatico da stress: che cos’è, come si cura

 

Il PTSD (Post Traumatic Stress Disorder) è causato da un evento stressante che la persona subisce o di cui è testimone. Il disturbo causa un disagio clinicamente significativo a livello affettivo, sociale e professionale; può manifestarsi a qualsiasi età.
Il disturbo post traumatico da stress si manifesta nei bambini, anche al di sotto dei tre anni, vittime di maltrattamento fisico e psicologico, trascuratezza, violenza assistita, abuso sessuale; ha conseguenze tanto più gravi quanto più il bambino è piccolo. I segnali possono essere chiari, altre volte invece sono nascosti da comportamenti adattivi. Siccome il PTSD può causare limitazioni nell’apprendimento, la valutazione psicologica è molto importante per differenziarlo dal disturbo specifico dell’apprendimento. I sintomi si manifestano subito dopo il trauma o dopo mesi.

 

Sintomi principali

 

  • stati dissociati o “flashback”: la persona si comporta come se stesse vivendo l’evento in quel momento;
  • ricordi ricorrenti e indesiderati dell’evento, incubi;
  • evitamento persistente degli stimoli associati al trauma (pensieri, sentimenti o conversazioni che riguardano l’evento traumatico, attività, situazioni o persone che ne suscitano il ricordo);
  • amnesia di aspetti importanti dell’evento traumatico (soprattutto se il trauma è avvenuto nell’ infanzia);
  • isolamento, alienazione;
  • ansia generalizzata e attacchi di panico;
  • insonnia, ipervigilanza, irritabilità o scoppi d’ira, difficoltà di attenzione e di concentrazione, iperattività;
  • depressione;
  • abuso di sostanze per “alleviare” sensazioni spiacevoli legate al trauma;
  • affettività ridotta, disinteresse per attività significative prima dell’evento traumatico;
  • disturbi fisici: male alla testa, al collo e alla schiena, alterazioni del desiderio sessuale, vertigini, palpitazioni, difficoltà nella respirazione, tremori.

 

Terapia del disturbo post traumatico da stress

 

Nel corso del trattamento psicoterapeutico, si utilizza la tecnica EMDR che si focalizza sull’elaborazione del ricordo dell’esperienza traumatica. La psicoterapia mira alla rielaborazione del trauma come un’esperienza passata, anche lontana nel tempo, che la persona vive ancora come un evento attuale.
Nel caso della psicoterapia con il bambino, si utilizza il gioco che gli permette di mettere in scena, spesso in modo compulsivo, temi relativi al trauma di cui spesso non ha memoria.
La durata è variabile e dipende dall’età dalla persona e dalla gravità del disturbo.

Il percorso terapeutico del PTSD ha sede presso lo studio di psicologia di Torino.

I commenti sono chiusi.