Attacchi di panico

I sintomi tipici sono tachicardia, capogiri, vertigini, tremori, nausea

 

Che cos’è l’attacco di panico

 

L’attacco di panico (con o senza agorafobia) rientra tra i disturbi d’ansia ed è caratterizzato da paura intensa e improvvisa, forte angoscia e sensazione di morte.
La durata è di alcuni minuti, sembrano “venire dal nulla” e diventano ricorrenti; l’ansia anticipatoria (perenne preoccupazione rispetto a quando e dove avverrà la prossima crisi di panico) porta a comportamenti di evitamento.
La persona diventa apprensiva per la propria salute (il minimo malessere è vissuto come il sintomo di una grave malattia) e si colpevolizza per la mancanza di forza d’animo nell’affrontare il disturbo. Le conseguenze sulla propria vita possono comportare l’abbandono o la perdita del lavoro, un impoverimento delle relazioni fino al ritiro sociale e alla depressione. Spesso, l’attacco di panico si accompagnano all’agorafobia.

 

Sintomi principali

 

  • tachicardia, capogiri, vertigini, tremori, nausea;
  • aumento della sudorazione, dolore o fastidio al petto, sensazione di soffocamento;
  • paura di perdere il controllo e di impazzire;
  • derealizzazione (il mondo esterno è percepito come strano e irreale);
  • depersonalizzazione (percezione di sé alterata, sensazione di distacco o estraneità rispetto ai propri pensieri o al corpo).

 

Come si curano gli attacchi di panico

 

Come in ogni percorso di cura, l’incoraggiamento e l’empatia sono strumenti terapeutici che accompagnano la persona nella comprensione dell’attacco di panico: l’origine, il ruolo adattivo nel passato, l’utilità nel presente. É importante apprendere strategie di gestione della crisi di panico e, se necessario, ricorrere temporaneamente all’uso di psicofarmaci. Il percorso di terapia ha cadenza e durata variabili, a seconda delle caratteristiche specifiche della persona e della cronicità del disturbo di attacchi di panico.
Prima di iniziare un percorso terapeutico è importante fare una valutazione psicologica presso lo studio di psicologia di Torino.

I commenti sono chiusi.